Una crisi per pochi!!!

Sei un Giudice?

Il Parlamento ti aveva “tagliato” lo stipendio?

Stai sereno! In Italia, il Parlamento non conta nulla: governate voi Magistrati!!! Sì cari amici; infatti, in uno Stato che prevede sempre più tasse, che taglia stipendi e pensioni a tutti i più “deboli”, che prevede la prescrizione anche per le liquidazioni da elargire agli avvocati che assistono i non abbienti ammessi al cosiddetto “gratuito patrocinio”, che considera ormai un lusso anche ammalarsi e che vorrebbe trasformarsi in Sparta nei confronti dei diversamente abili, adesso bisogna assistere anche alle… ATE della Corte Costituzionale, la quale ha deciso che sono incostituzionali i tagli (solo quelli) sulla retribuzione dei magistrati previsti dal Decreto-Legge n° 78 del 2010 che detta «Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica.
Precisamente, la Consulta censura la succitata norma, laddove in cui la stessa prevede che ai Magistrati non vengano erogati gli acconti 2011, 2012 e 2013 e il conguaglio del triennio 2010-2012 e nella parte in cui dispone tagli all’indennità speciale negli anni 2011 (15%), 2012 (25%) e 2013 (32%)!!!
Quindi, chi non ha responsabilità diretta per gli “errori” giudiziari commessi, chi non ha badge per entrare e/o uscire dal luogo di lavoro, chi percepisce uno stipendio da favola, chi gode di tanti altri privilegi e vantaggi, non deve “subire” nemmeno la pesante crisi economica mondiale, che, quindi, è e deve restare una CRISI PER POCHI!!!

Posted in Blog and tagged , , .