Portiere, non schiavo!!!

Lavori?
Sei portiere di condominio?
Fatti rispettare e non aver paura; infatti, se un portiere è “costretto” dal condominio a vivere in una casa umida e/o magari invivibile anche sotto altri profili, ha diritto ad essere risarcito dai condomini!
Questo è quanto ha stabilito la Corte di Cassazione con Sentenza n° 18247 del 2014.
Nella succitata Sentenza, la S.C. ha riconosciuto ad una portiera il diritto al risarcimento del danno non patrimoniale, sulla base del rilievo che, anche laddove il rapporto di consequenzialità fra i disturbi fisici dovuti nel caso in questione ad un’artrosi e l’ambiente di lavoro non possa dirsi con totale certezza “esclusivo, assoluto e determinante”,
è da ritenersi comunque sufficiente – come causa concorrente del danno – a configurare un diritto al risarcimento.
Meno male; qualcuno capirà finalmente che il portiere del proprio condominio non è uno schiavo!!!

Posted in Blog and tagged , , .