Solo per maggiore chiarezza.

Oggi, 01 agosto 2019, ancora molti si autoconvincono che con la perdita della vista scatti, automaticamente, l’interdizione.
In queste righe, sperando di non tediare chi legge, si desidera fare un po’ di chiarezza ed accendere la luce su chi si ostina a vivere nell’oscurità della propria ristrettezza mentale.
Un disabile visivo può firmare?
Continua a leggere

La Scienza degli ignoranti

La PA oggi, nella maggioranza dei casi, dà ancora prova di grande ignoranza; infatti, troppi impiegati ancora ignorano che i ciechi possono firmare e che, come quella di tutti, la loro firma è valida; ma v’è di più: anche se firmasse qualcuno al loro posto, solo loro, come tutti gli altri, possono contestarne la validità.Continua a leggere

L’interminabile follia

Antonio Conte è il nuovo allenatore dell’inter.
Anche se forse Spalletti non avrebbe meritato l’esonero, la scelta non può che essere salutata con entusiasmo: egli è un vincente e lo ha già dimostrato con i fatti.
Mi domando quindi: ad un vero tifoso, non dovrebbe interessare solo che la propria squadra consegua ottimi risultati?
Allora, perché per quelli che si definiscono tifosi, contano i precedenti professionali di calciatori ed allenatori?
Perché il tifo organizzato che, per come si comporta, in uno Stato di Diritto dovrebbe essere vietato non viene zittito dai dirigenti delle società che, al contrario, si mostrano sempre più succubi?