Il regno delle incoerenze

Napoli- L’Italia sta diventando sempre più il “regno” delle incoerenze; infatti, da un lato permette la vendita delle sigarette, dall’altro emana leggi antifumo; da un lato riscuote la tassa di possesso, dall’altro permette che i comuni infliggano ai cittadini divieti di circolazione con veicoli a motore ad eccezione di alcune (troppe) categorie; da un lato parla di voler risolvere il problema del precariato nel lavoro, dall’altro permette (o ne è colpevolmente complice) che, persone prive di qualsiasi titolo, insegnino con contratti a tempo determinato più lunghi di chi, pur essendo precario, non solo ne ha i titoli, ma spesso gli stessi sono molteplici; da un lato sancisce la libertà di culto, dall’altro toglie il Crocifisso dai luoghi pubblici!

Continua a leggere

L’aria fritta

Napoli- Nacque come sport, è sempre più diventato un’industria, si è trasformato in un business “governato” e “gonfiato” da sponsor sempre più “generosi” ma, allo stesso tempo, privi di ogni valore sia sportivo che umano: è il calcio!

Continua a leggere

Il gratuito ladrocinio

Napoli- L’articolo 24 della costituzione italiana, al secondo comma, recita: “la difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento”. Il terzo comma dello stesso articolo aggiunge: “sono assicurati ai non abbienti, con appositi istituti, i mezzi per agire e difendersi davanti ad ogni giurisdizione”.

Continua a leggere

Tra fantascienza e realtà

Napoli- L’Italia, probabilmente sin dal giorno della sua unità, è sempre stata spaccata in due: un nord ricco, colto e in molti casi ben organizzato ed un sud, che pur avendo capacità, cultura e “cervelli”, resta arretrato, povero (soprattutto nelle zone più interne) e disorganizzato, che lo fa apparire quasi un altro Stato dove gli unici elementi in comune con il settentrione sembrano essere solo la moneta, la lingua e la religione.

Continua a leggere

La legge è uguale per tutti?

Napoli- Era il novembre 2002 quando Papa Giovanni Paolo II, dando vita ad un avvenimento storico, incontrava a Montecitorio il Parlamento in seduta comune. In quella occasione, il Pontefice lanciava un accorato appello a favore di un provvedimento indulgenziale per i detenuti. In data 29 luglio 2006, il Senato della Repubblica ha approvato la legge introduttiva dell’indulto.

Continua a leggere

Un mondo a sè

Napoli- Il calcio, questo non lo si può negare, sembra avere (forse ha) delle regole quantomeno bizzarre che, questo proprio non lo si comprende, sembrano incidere su tutta la vita dello Stato e, qualche volta, anche sulla giustizia non solo sportiva, ma addirittura ordinaria.

Continua a leggere